CIRCOLO DELLE IMPRESE | 09 Marzo 2019

Alla scoperta del nuovo skyline di Milano

Il prossimo 26 marzo, presso la Fondazione Riccardo Catella, aperitivo organizzato dal Circolo delle Imprese. L’ad di Coima Image Alida Forte Catella si confronterà con l’eurodeputato Massimiliano Salini sul tema “Siamo noi la sostenibilità?”

di REDAZIONE

Il rapporto tra il Circolo delle Imprese e Coima Image srl era già iniziato lo scorso 26 ottobre, durante l'evento “Milano is the new black” in cui l’amministratore delegato Alida Forte Catella aveva illustrato come Coima ha cambiato lo skyline di Milano rivalutando l'intera area di Porta Nuova. Prosegue ora con l'aperitivo di network del prossimo 26 marzo, ospitato direttamente dalla Fondazione Riccardo Catella, per approfondire il tema della sostenibilità, alla presenza del mondo imprenditoriale e politico. Interverranno, per confrontarsi sul tema della serata “Siamo noi la sostenibilità?”, Alida Forte Catella, ad di Coima Image srl, Stefano Corbella, Coima Sustainability Officer, e l'europarlamentare Massimiliano Salini.

«Andremo nel cuore di questa Milano che si è rinnovata – dichiara Alessandro Fiorentino, Presidente del Circolo delle Imprese – e sarà un evento estremamente significativo perchè dopo aver raccontato come Coima ha cambiato lo skyline di Milano, il Circolo andrà a visitare questo luogo così significativo e importante per la città». L'evento può definirsi come il coronamento del percorso già intrapreso dal Circolo delle Imprese: «Sarà uno stimolo a fare sempre meglio quella che è la nostra mission- prosegue il Pres. Fiorentino-  cioè essere un luogo dove gli imprenditori si trovano e si confrontano dando vita ad un network gratuito, dove vengono fatte proposte poi sottoposte all'attenzione della politica che a sua volta le riporterà nelle sedi opportune».

Ma cosa intendiamo quando parliamo di sostenibilità? «Sostenibilità è una parola che dice tante cose e che ha bisogno di essere sostenuta da comportamenti – spiega Alida Forte Catella – lavorando nel mondo del real estate riteniamo che la prima voce a pesare sull'ambiente sia proprio il mondo delle costruzioni. Quindi noi abbiamo una grossa responsabilità e, partendo dalla necessità di dover ridurre i rifiuti, ci adoperiamo per creare quella filiera che porta a quelli che sono i concetti che riguardano la sostenibilità, entrando anche nello spazio degli interni». Sostenibilità è quindi un criterio, un'educazione vera e propria che riguarda ogni individuo: «È qualcosa che parte dall'interno – continua Alida Forte Catella - e si rivolge poi al comportamento del singolo per arrivare ad un risultato globale». In questa direzione è anche il mercato a doversi modificare per poter offrire prodotti in grado di stimolare la committenza finale che spesso è ancora legata all'estetica piuttosto che ad un'azione corretta e coerente con l'ambiente: «Le produzioni andranno riviste in funzione di quello che è il concetto di economia circolare, quindi il riuso dei materiali quando hanno terminato il loro periodo di vita». Coima ha fatto della sostenibilità la sua mission:  «Così dovrebbe essere per tutte le aziende presenti sul mercato, stiamo facendo qualcosa che dovrebbe essere acquisito come principio in tutti i settori – prosegue Alida Forte Catella – noi siamo sensibili a questi principi e riteniamo siano quelli che devono condurre i processi e i progressi della nostra azienda». E se è vero che i cambiamenti sono nell'aria quando sentiamo parlare di clima , di riscaldamento globale e danneggiamento del pianeta, è anche vero che spesso viene percepito come altro rispetto alla responsabilità del singolo: «Gli altri siamo anche noi, ognuno è responsabile del danno al pianeta, che sta diventando irriducibile per cui bisogna intervenire velocemente, con impegno e soprattutto costanza». Le sfide per il futuro sono quindi in parte già quelle che il mercato sta offrendo, e per affrontarle è necessario che volontà imprenditoriale e volontà politica si uniscano: «Le amministrazioni cominciano ad essere sensibili e attente al tema della sostenibilità – conclude Alida Forte Catella – e Milano è scrupolosa e attenta sotto questo aspetto. Magari si parla poco del positivo prediligendo gli aspetti negativi, ma ci sono città che si stanno già comportando o cominciano a comportarsi in maniera corretta e coerente legandosi ai principi della sostenibilità».

 

Per partecipare all' evento è necessaria l'iscrizione sul sito del Circolo delle Imprese : www.circolodelleimprese.it

 

Micol Mulè


REDAZIONE

L'Informatore - Quotidiano liberale

Organo di informazione dell'Associazione culturale "Civitas"

redazione@informatore.eu

AUTORI

COMMENTI

Non ci sono commenti per questo articolo.