FONDO FORMAZIENDA | 14 Giugno 2016

Ecco come integrare le risorse per la formazione

Il Fondo Formazienda dà il via all'iniziativa «Integrazione di risorse finanziare in una logica virtuosa», contenuta nel piano strategico Formazienda 2020. L'avviso pubblicato in Gazzetta Ufficiale

di REDAZIONE

Version:1.0 StartHTML:0000000167 EndHTML:0000003424 StartFragment:0000000454 EndFragment:0000003408

Un nuovo strumento a favore delle imprese che intendono ottenere e impiegare risorse nella formazione continua, e così creare le basi solide per un futuro di crescita e miglioramento delle proprie performance. È in quest'ottica che il Fondo Formazienda, uno dei fondi interprofessionali più dinamici e in crescita degli ultimi anni, con alti livelli qualitativi dell'offerta formativa per le aziende, ha dato il via all'iniziativa «Integrazione di risorse finanziare in una logica virtuosa», un'iniziativa contenuta nel piano strategico Formazienda 2020, con obiettivi chiari e strategici per rilanciare la crescita delle imprese nel nostro paese.

A tal proposito è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’Invito all’acquisizione di manifestazioni d’interesse a partecipare all’emanazione di un avviso congiunto tra il fondo Formazienda e le regioni italiane, e tra il fondo e le province autonome di Trento e di Bolzano. In altre parole, è l'applicazione pratica di quanto previsto nell'iniziativa di Integrazione di cui sopra, e che ora è pienamente operativa e le cui potenzialità possono essere sfruttate a pieno dalle aziende interessate a investire in formazione.

Ma come nasce l’idea di invitare regioni e province autonome a emanare, insieme al fondo, un avviso congiunto con cui finanziare percorsi formativi? Lo chiarisce Rossella Spada, direttore del fondo Formazienda: «L’idea è nata dopo aver portato a termine la gestione dei due avvisi integrati tra fondo e regione Lombardia e averne constatato gli ottimi risultati. Lo stanziamento da parte di differenti canali di finanziamento ha consentito, infatti, di coinvolgere una platea di destinatari maggiore rispetto a quelle finanziabili solo dal fondo, intervenendo su tutte le figure presenti in un’azienda. Così, mentre le risorse regionali sono andate a finanziare i percorsi formativi per gli imprenditori e gli amministratori, oltre ai servizi di consulenza e alle analisi di settore, le risorse del fondo hanno finanziato, sempre nella stessa azienda, i percorsi formativi per i lavoratori. Insomma, un intervento organico su tutto il sistema aziendale».

Un'idea che non rimane sulla carta, ma che prevede una notevole quantità di risorse a disposizione che permettono di dare piena operatività al progetto. «Il fondo stanzia 10 milioni di euro per finanziare percorsi formativi destinati ai dipendenti delle imprese», spiega ancora Rossella Spada. «Le regioni e le province autonome interessate possono stanziarne altrettanti per finanziare imprenditori, collaboratori, inoccupati, disoccupati, servizi accessori, ecc. Ciò significa che, procedendo in modo integrato, si potrebbero destinare complessivamente 20 milioni». Una cifra notevole, che potrà dare ottimo impulso alla spinta innovativa delle imprese.


REDAZIONE

L'Informatore - Quotidiano liberale

Organo di informazione dell'Associazione culturale "Civitas"

redazione@informatore.eu

AUTORI

COMMENTI

Non ci sono commenti per questo articolo.