FORMAZIONE | 05 Luglio 2016

Formazienda, al via l'avviso a sportello

Prende il via l'avviso a sportello 2016, con cui il fondo Formazienda finanzia la realizzazione di piani formativi aziendali. Il direttore Rossella Spada: «Azione centrale e strategica. Grande opportunità per le imprese»

di REDAZIONE

Version:1.0 StartHTML:0000000167 EndHTML:0000003481 StartFragment:0000000454 EndFragment:0000003465

Prende il via una nuova iniziativa di Formazienda, il fondo interprofessionale che si colloca al vertice tra i fondi più in crescita e competitivi nel mondo della formazione. Si tratta dell’avviso a sportello 2016, con cui il fondo Formazienda finanzia la realizzazione di piani formativi aziendali, interaziendali, territoriali e settoriali finalizzati all’innalzamento delle competenze e delle conoscenze dei lavoratori delle imprese che aderiscono al fondo.

«Un'azione molto importante e strategica», spiega il direttore di Formazienda Rossella Spada. «L’obiettivo dell’avviso a sportello, edizione 2016, è finanziare piani formativi che prevedano di colmare i bisogni di aggiornamento, adeguamento, qualificazione e riqualificazione delle competenze possedute dai lavoratori. Parlo, ovviamente, dei dipendenti delle imprese che aderiscono al nostro fondo. L’avviso a sportello è, per noi, il principale strumento di finanziamento di piani formativi. E questo risulta chiaro se si pensa che la precedente edizione tenutasi nel 2014 si è conclusa con oltre 2.000 piani formativi approvati per complessivi 27 milioni di euro stanziati. Sulla scorta di questo straordinario risultato, che ha consentito a oltre 8 mila imprese di pianificare percorsi formativi in azienda, il fondo ha ritenuto opportuno offrire ancora una volta uno strumento che si è rivelato così efficace, anche perché tagliato «su misura» delle imprese aderenti al fondo. La candidatura dei piani prevede, infatti, che le aziende beneficiarie del finanziamento e i relativi fabbisogni formativi siano individuati già in modo chiaro e puntuale nel piano formativo candidato. A questa puntuale progettazione degli interventi formativi segue una tempestiva valutazione da parte del fondo, che si manifesta tramite la possibilità di fare candidature mensili dei piani, così da realizzare in brevissimo tempo le attività formative ipotizzate».

Diverse le azioni che possono essere finanziate con l'avviso a sportello, come spiega ancora Rossella Spada: «Le iniziative oggetto di finanziamento possono essere relative a varie tipologie, in particolare la formazione di base o trasversale, fondamentale nel fornire conoscenze e competenze di carattere generale; la formazione professionalizzante di mestiere, essenziale all’adeguamento delle qualifiche; l’evoluzione delle professioni e dei contenuti delle mansioni volta a trasferire conoscenze e competenze spendibili in differenti contesti produttivi; la formazione di qualificazione professionale, indispensabile per il conseguimento di un attestato di qualifica professionale che consenta di svolgere un ruolo corrispondente a un determinato profilo; l’alta formazione per dirigenti d’impresa. In concreto, l’azienda viene messa nella condizione di formare verticalmente il proprio personale in modo che la crescita risulti omogenea e coerente».


REDAZIONE

L'Informatore - Quotidiano liberale

Organo di informazione dell'Associazione culturale "Civitas"

redazione@informatore.eu

AUTORI

COMMENTI

Non ci sono commenti per questo articolo.