PARTIRE E MORIRE | 19 Luglio 2018

La verità negli occhi di Josephine

Un altro naufragio al largo della Libia. Josephine si è salvata ma una donna ed il figlio di 5 anni non ce l'hanno fatta. La macabra recita delle Ong deve finire: per ridurre le morti bisogna ridurre le partenze

di ROBERTO BETTINELLI

Pietà e comprensione. E’ questo che suscitano gli occhi di Josephine, la donna camerunense salvata al largo dalla Libia dal personale della Ong spagnola Open Warms. Lo sguardo esprime il terrore per l’esperienza che ha vissuto. Accanto a lei, sulla zattera improvvisata costituita da assi di legno e lembi di un gommone, galleggiavano due corpi senza vita. Un’altra donna ed il figlio di cinque anni. Per entrambi non c’è stato niente da fare.

Vittime, a detta del capitano della Open Warms, della guardia costiera libica. I militari li avrebbero lasciati morire in mare perché non volevano abbandonare il gommone e salire sulla motovedetta durante un’operazione che si è conclusa positivamente per 158 persone, di cui 34 donne e 9 bambini.

Una ricostruzione che è stata smentita da più fonti: le autorità di Tripoli, il Viminale e fonti giornalistiche tedesche oltre ad un free lance che erano a bordo della motovedetta battente bandiera libica.

Lo sguardo sconvolto di Josephine merita tutta la nostra compassione, ma pretende anche e soprattutto la verità. La Ong accusa i libici di avere deliberatamente lasciato morire i migranti, Salvini e altre fonti ufficiali hanno replicato bollando il racconto come una fake news.

In presenza di voci contradditorie, la sola cosa che possiamo fare è osservare la realtà. E la realtà dice che il Mediterraneo non è sicuro. Chi si avventura lungo la strada del mare mette a repentaglio la propria vita. Salvini ha ragione: il solo modo di ridurre le morti è ridurre gli sbarchi.

L’Italia non può accogliere tutti, le Ong non possono salvare tutti, i libici non possono controllare tutto. Chi decide ogni cosa invece, quando si prende il largo, è il Mediterraneo con la sua vastità e le sue innumerevoli insidie.

La verità è negli occhi di Josephine: il mare non perdona ed è capace di uccidere. Non c’è viaggio della speranza che possa equiparare il prezzo della vita umana. 


ROBERTO BETTINELLI

Roberto Bettinelli si laurea con lode in Scienze Storiche presso l'Università degli Studi di Milano scrivendo una tesi sul politologo americano Robert A. Dahl. Sempre a Milano consegue la laurea nel corso magistrale di Lettere Moderne. Giornalista professionista. Studia presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università degli Studi di Milano dove consegue la laurea triennale in Scienze della Comunicazione e la specialistica in Comunicazione politica e sociale. Si è occupato a lungo di cronaca nera e giudiziaria. Ha fondato e diretto la testata online l’Inviato Quotidiano. Laureato con lode all'Università di Bologna nel corso di laurea Dams indirizzo arte. Ha collaborato con enti e associazioni nell'ambito dell'attività di ufficio stampa e comunicazione politica. 

 

AUTORI

COMMENTI

Non ci sono commenti per questo articolo.