PENSIERO UNICO | 02 Ottobre 2017

La verità «disossata» e manipolata

Il venir meno delle evidenze, tipico del pensiero unico di oggi soprattutto nell’ambito della cultura ‘gender’, richiama quanto intuito dall’umorista Marchesi: una verità che viene «disossata» per essere cucinata a proprio piacimento

di GIUSEPPE ZOLA

Come si sa, uno dei punti di forza del “pensiero unico” è costituito dalla cultura “gender”, che, nella sostanza, intende affermare il pazzesco principio secondo il quale il sesso di una persona è determinato dalla scelta della persona stessa e non dal dato oggettivo biologico. Si tratta della assolutizzazione (demoniaca?) del puro soggettivismo, sulla base del quale non conta più la realtà. In termini religiosi, si può dire che l’uomo moderno sta tentando di sostituirsi a Dio creatore, come, del resto, è già stato descritto nel libro della Genesi. L’aspetto più preoccupante, in questo periodo, è che sono in atto molti tentativi di introdurre l’insegnamento obbligatorio di queste tesi aberranti nelle scuole italiane, a partire dalla scuola materna. E’ di chiara evidenza che occorre fare di tutto perché ciò non avvenga. La questione è molto seria.

In questi giorni mi è capitato di leggere il libretto del famoso umorista Marcello Marchesi intitolato “Essere o benessere?”, pubblicato da Rizzoli nel 1962. Ho constatato che Marchesi, con la sua genialità, ha anticipato, forse inconsciamente, atteggiamenti che solo oggi capiamo che non dobbiamo prendere sottogamba. E’ il destino dei geni.

Riporto qui tre delle poesiole (con il loro titolo) del nostro genio, che ci fanno sorridere, ma anche pensare.

 

RICETTA

Disossate

la verità

per cucinarla

meglio.                                

 

VIVACE

Da bambino

era molto vivace

non stava mai fermo

cambiava sesso

ogni due giorni.                                   

 

DISFUNZIONE RELIGIOSA

E’ un turbamento della psiche

mai capitato finora:

ha gettato la tonaca alle ortiche….

è diventato suora. 

 

Soprattutto la prima, intitolata “Ricetta”, sembra descrivere sinteticamente ciò che sta di fatto avvenendo. Una verità ridotta ad emozione e senza struttura solida è facile da essere “cucinata”, soprattutto da parte dei poteri forti. Tutto il resto è una inevitabile conseguenza.


GIUSEPPE ZOLA

Giuseppe Zola svolge la professione di avvocato a Milano. E' stato vicesindaco e assessore a Palazzo Marino.

AUTORI

COMMENTI

Non ci sono commenti per questo articolo.