FORMAZIONE | 02 Settembre 2016

Lo spirito innovativo di Formazienda

«Così coniughiamo istituzionalità e affidabilità». Rossella Spada, direttore del Fondo Formazienda, spiega le ragioni alla base dello slogan comunicativo del Fondo: «Insieme per crescere»

di REDAZIONE

Uno degli obiettivi primari dell'azione delle parti sociali del Fondo Formazienda è quello contribuire in modo decisivo al rinnovamento delle politiche attive del lavoro. Tutto questo affinché la formazione continua e permanente diventi una pratica sociale generalizzata - in particolare nel mondo del lavoro - e un comportamento individuale spontaneo.

Da qui deriva lo slogan centrale che riassume in sé l'azione del Fondo, uno dei più dinamici e in crescita nel panorama nazionale: «Insieme per crescere». Non è solo il nuovo slogan ma è soprattutto il nuovo messaggio che il Fondo indirizza alle imprese che vogliono investire nel proprio futuro attraverso la formazione, oggi più che mai strumento strategico di politica attiva.

Come e perché Formazienda abbia deciso di rinnovare la propria immagine anche attraverso la definizione e il lancio di una nuova campagna di comunicazione vienespiegato dal direttore del Fondo, Rossella Spada: «Tutto nasce dalla volontà di essere ancora più efficaci. Soprattutto, abbiamo cercato di coniugare istituzionalità e affidabilità. Insieme per crescere è il naturale e logico prosieguo della precedente scelta comunicativa, che aveva come slogan Formazienda ci mette la faccia, mettici alla prova!, ed esplicita la nostra volontà di far sentire alle imprese tutta la nostra vicinanza».

Una comunicazione che è dunque strettamente legata agli ottimo obiettivi raggiunti da Formazienda in termini di crescita. «La crescita riscontrata in questi anni», spiega ancora il direttore Rossella Spada, «sia per il numero di imprese che hanno aderito sia per la tipologia dei servizi offerti, ci ha portato a valorizzare questo concetto di vicinanza e ad accentuare il fatto che solo insieme, attraverso la formazione, si possano compiere ulteriori passi in avanti. I numerosi input giunti dal mondo delle imprese e dei lavoratori ci fanno ritenere di aver visto giusto nel privilegiare i due momenti appena descritti, momenti che abbiamo combinato ed elaborato all’interno di un ambito comunicativo fatto di immagini dinamiche, snelle e moderne. La declinazione cui aspiravamo doveva evitare un approccio comunicativo freddo e distante a favore di una forma giovane ma non gridata».


REDAZIONE

L'Informatore - Quotidiano liberale

Organo di informazione dell'Associazione culturale "Civitas"

redazione@informatore.eu

AUTORI

COMMENTI

Non ci sono commenti per questo articolo.