«FABBRICA DI OPPORTUNITA’» | 25 Maggio 2017

Scuola-lavoro: vince il ‘modello Lombardia’

Centotrenta apprendisti portati al lavoro in un solo anno e formati 109 supertecnici. I numeri impressionanti di Galdus che testimoniano l’efficacia del ‘modello Lombardia’. L’assessore Aprea: «Qualità, regole chiare e apprendistato di primo livello»

di REDAZIONE

La filosofia è quella giusta: mettere al centro l’uomo. Dal manager al disoccupato. Con un occhio di riguardo ai giovani. Non importa, come si legge sul sito web, che si tratti di ragazzi bisognosi di sostegno scolastico o intenzionati ad avviare un percorso professionale. L’esperienza ventennale di Galdus ha dato vita ad una sorta di campus di quasi 20mila metri quadrati - l’officina - situato nella principale delle tre sedi di Milano, Lodi e Cremona. Ma sono i risultati che testimoniano quanto la scommessa lanciata negli anni Novanta da un gruppo di professionisti ed esperti di formazione, oggi sia più che mai vincente: 130 apprendisti accompagnati al lavoro solo negli ultimi dodici mesi, ben 109 ‘super tecnici’ formati grazie alla partecipazione a tre fondazioni Istituti tecnici superiori. 

Numeri che confermano la bontà del ‘modello Lombardia’ e rilanciati dall’assessore regionale a Istruzione, Formazione e Lavoro Valentina Apre all’evento che si è tenuto nei giorni scorsi a Milano, denominato «Piazza Galdus, 3 volte di più: magister, imprenditori e maestri costruiscono il futuro con i giovani’». 

«E’ un sistema virtuoso che porta i ragazzi dalla formazione al lavoro - ha spiegato - superando la difficile transizione dallo studio all'impiego lavorativo». L’incontro ha visto anche la partecipazione del sottosegretario al ministero del Lavoro Luigi Bobba, di Diego Montrone, presidente Galdus e di quaranta imprenditori, tra i quali Antonio Civita, amministratore delegato Panino Giusto, che si sono impegnati pubblicamente assumere giovani apprendisti, per proseguire lungo il percorso consolidato. 

«Il successo dell'operazione - ha commentato Aprea - è stato raggiunto attraverso tre linee di azione: risorse dedicate allo sviluppo e all'incremento della qualità per la formazione professionale e per il successivo inserimento lavorativo; regole definite, come stabilito nella legge regionale n.30; contratti di apprendistato di primo livello che consentono ai giovani di sperimentare un lavoro prima ancora di conseguire una qualifica professionale».  

«L’investimento di Regione Lombardia sul centro Galdus - ha concluso - è stato in questa legislatura di 19,5 milioni fino al 2017 e prevediamo di investire ancora 5,5 milioni per i percorsi che Galdus offrirà nella città di Milano per il prossimo anno».

Galdus è un ente per la formazione e il lavoro accreditato in Regione Lombardia che organizza percorsi di formazione e servizi di accompagnamento al lavoro e forma, ogni anno, ragazzi che hanno concluso la terza media, oltre 4.500 professionisti con corsi di specializzazione e aggiornamento e offre un servizio di job placement che nel 2016 ha inserito 1.537 persone nel mondo del lavoro. 

In stretta sinergia con quasi 2.000 aziende sul territorio, propone ai giovani, tra i 15 e i 25 anni, la possibilità di conseguire un titolo di studio lavorando, con un percorso misto scuola-impresa, l'apprendistato di primo livello.


REDAZIONE

L'Informatore - Quotidiano liberale

Organo di informazione dell'Associazione culturale "Civitas"

redazione@informatore.eu

AUTORI

COMMENTI

Non ci sono commenti per questo articolo.